tedesco aggiunto ufficialmente

Era un po’ che non toccavo un libro o un sito di apprendimento delle lingue.
Sarà che il nuovo cammino intrapreso ha portato a nuove idee. O sarà che mi era un attimo passata la voglia dopo l’esame di cinese. O forse ho dato un po’ d’aria al mio cervello. O un insieme di tutte. Si, ecco, meglio. Fatto sta che ieri mi son alzato prestissimo (9, ndr) per andar in biblioteca, quella di zona. Non ci mettevo piede da una decina d’anni minimo. Infatti dopo aver accuratamente selezionato un libro di tedesco (no ok l’ho preso Continue reading

Poliglotta? Ma ci sarai tu!

Due notti fa ho sognato, non so per quale strano motivo, che ero in una classe e un ragazzo stava dicendo i katakana. Si, uno dei sillabari nipponici. Eppure non ho nè mangiato sushi nè visto Holly e Benji.
In settimana ho fatto un nuovo follower, solo perchè ho linkato ad un suo post sul blog. Bene, tale persona è poliglotta.
Update: appena finito di scriver tale frase ho visitato il suo blog, ho letto l’ultimo post e ho trovato un commento di altri poliglotti. Ho followato altri due nuovi blog e uno è scritto dall’Australia. E ho detto tutto!
Ok non era un vero e proprio update, mi son proprio fermato e son stato rapito dalla foga di conoscenza.
Ho sempre pensato quanto sarebbe bello andare in un paese e parlare la lingua dei locali.  In passato sul tubo mi son imbattuto in video di gente poliglotta e ora ci son i blog, ammetto che adoro di più leggere. Continue reading

obbiettivo cinese

Ma come? Non eri tornato in Italia per fare il gelatiere? Si certo, ma ho trovato qualche problemino economico per corsi o presunti tali e ho deciso di salire a Londra a cercare fortuna. Due giorni prima però ho trovato una gelateria che era interessata, ma “ne riparliamo quando torni”. Già. Ennesima bufala. Volevano solo 2000€ per le loro ricette e ” perchè sai, puoi aprirmi di fronte in futuro”. Me: “no, non hai capito un cazzo nulla, io in Italia non ci rimango, figurati ad aprirti una gelateria di fronte e con la tua ricetta coi gelati che fanno schifo“.
A Londra son tornato con il cuore e la mente soddisfatti per la breve vacanza, ma col portafogli e il fegato un pò meno. Dettagli. Ma non solo, son sceso con GTA V. Mi misi in testa di prendere delle decisioni solamente a gioco finito. Così cinque giorni dopo mi trovai di fronte ad un bivio con più biforcazioni:
– Londra, con un’ipotesi di un corso da croupier
– Corso nella gelateria con pessimi gelati
– Andare in Spagna o Germania ad imparare la lingua sul campo
– Altri corsi di gelateria ultra costosi

Cosa scelsi? Continue reading