trip #8: Great Ocean Road & Melbourne

Vivendo ad Adelaide, o comunque nel South Australia, non si può non visitare Melbourne, a sole 8 ore di macchina secondo Google Maps. Ma per sole 4 ore di macchina in più potrete fare la magnifica Great Ocean Road. Bisogna approfittarne perchè ne vale la pena. Paesaggi e natura mozzafiato e si passa per I 12 Apostoli (The Twelve Apostles) ed alti punti turistici disseminati lungo questo stradone che costeggia il mare. Se lo costeggiasse davvero tutto e se effettivamente ci volessero 4 ore. Ma ripartiamo dall’inizio.
Il viaggio insieme alla mia compagna di mille avventure stava per finire, ma ci attendeva un ultimo punto in comune, visitare la capitale del Victoria, Melbourne, facendo la mitica Great Ocean Road. Qualche giorno prima un amico ed una ragazza ci raggiungono in quel di Adelaide per fare il viaggio allegramente insieme. Si lavorano le 10 ore e sebbene non mi avessero dato il giorno off lunedì me lo prendo di mio (a quanto pare non si erano ben capiti a lavoro supervisor e responsabile). Si parte poco dopo la mezzanotte passata di ormai venerdì, ci si avvia belli carichi verso la GOR sperando di vedere l’alba dai 12 Apostoli ma i calcoli vengono fatti malissimo dal sottoscritto. Anzi, non vengono proprio fatti quasi. Viaggio tranquillo e sperduto senza lampioni, come sempre, fino alle 5 circa, quando un canguro decide di sbucare dagli alberi e con un colpo di coda dell’occhio me ne accorgo, sterzo come meglio riesco verso destra ma l’animale colpisce lo specchietto sul lato sinistro (ricordo che è quello lato passeggero) rompendone il vetro. Dopo lo spavento e qualche metro fatto decido di vedere il danno e di svegliare gli amici che credevano di aver sognato una botta. Le leggi australiane dicono di dover prestare soccorso agli animali infortunati, chiamando un numero di telefono e segnalando l’accaduto e il luogo, mastocazzo. I 4 passeggeri invece illesi continuano il loro viaggio e io continuo a guidare ma da là in poi divento come Argo e qualsiasi cosa si muova, soprattutto animale, diventa un canguro assassino, come ad esempio gli uccelli erano canguri alati pronti a schiantarsi sopra il tettuccio della macchina.
Ci fermiamo solamente in uno zoo park a pagamento ma essendo buoni italiani riusciamo a farci fare lo sconto comitiva. Ho anche abbracciato un Koala e visto un White Wallaby, mi stavo per far beccare da un Emù e fare un incontro di pugilato con dei canguri perchè non gli davo da mangiare.

Koala & Me

Koala & Me

White wallaby

White wallaby

Ci si ferma solamente dopo circa 700 km dalla partenza, a Warrnambool, verso le 8 per una colazione al Mc col sole già bello limpido e col freddo che solo il Victoria sa dare. Ehi un momento, ho dimenticato giacca e felpa più pesante a casa. Cazzo. Altri 20 km circa e si vede il cartello “Welcome to B100 – Great Ocean Road”, adrenalina alle stelle. Percorriamo la stradona e si arriva al primo lookout. Ce ne sono una ventina circa come ci accorgiamo. Ci fermiamo ad ogni lookout e facciamo straordinarie foto.
Ehi ma, Samsung Galaxy S4, che ti prende?! Perchè fai sta schermata viola?! Boh. Ogni tanto il cellulare ha iniziato a dare i numeri, proprio ora che mi devo trasformare in giapponese, eccheccazzo.
Sono tutti bellissimi, ma i migliori per associazione sono il London Bridge (purtroppo crollato anni or sono) e The Twelve Apostles, il lookout preferito dai turisti (gli apostoli sono rimasti in 7) ma quanta ressa! Incredibili! Assolutamente da non perdere!

Dodici Apostoli

Dodici Apostoli

London Bridge Great Ocean Road

London Bridge Great Ocean Road

Twelve Apostles Great Ocean Road

Twelve Apostles Great Ocean Road

Inizia a farsi tardi e verso le 5 decidiamo di ripartire continuando per la Great Ocean Road, che purtroppo diventa montagna, con sali e scendi in mezzo ad alberi altissimi e come se non bastassero i lavori e asfalto ci si mette anche la pioggia. Fortunatamente ne usciamo per ora di cena, ci fermiamo a fare benzina e comprare cibo da mangiare a Melbourne e via, si cambia strada, molto più autostrada e scorrevole (si fa per dire). Si arriva in ostello nella famosa St. Kilda alle 23 circa, doccia, cibo e nanna, dopo un intero giorno in viaggio e qualche ora di stop a vedere il panorama (ma sempre in giro dunque).

Melburn Graffiti

Melburn Graffiti

Passiamo sabato in giro per Melbourne grazie ad un’amica del luogo che ci fa da Cicerona, un breve salto al Casinò per tentare la fortuna e di sera stiamo all’ostello perchè c’è una serata in maschera e ci si diverte tantissimo.
Ovviamente hangover, che mal di testa!! Facciamo colazione?! Massì dai, ci sta latte e cereali. Anzi no, fame più spessa! Che ne dici di mezzo kg di spaghetti col pesto?! Andata!! Troppa fame e ci stava tantissimo ^^ tempo di conoscere il ragazzo che mi ha scritto che gli serviva un passaggio ad Adelaide e poi aspettare le ragazze e via, si prende il treno verso Brighton per vedere le casette colorate. Che belle che sono🙂 peccato che in tutto il tempo la fotocamera del cellulare non ne voleva sapere di funzionare e quindi non ho potuto fare foto, peccato. Ero anche abbastanza arrabbiato per ciò, soprattutto quando riprovando l’ennesima volta, sul treno per il ritorno in ostello, riprende a funzionare. Maledetto. Tempo di una doccia, cambio di vestiti e vado a fare un aperitivo con l’amica conosciuta il giorno prima ^^ quattro chiacchiere e poi deve andare e io mi avvio verso il casinò, dove mi attende un ragazzo che non vedo da oltre 2 anni🙂 che piacere nel rivederlo, mi ero subito trovato benissimo con lui :p ho conosciuto anche la sua ragazza mentre giocava a Baccarat, gioco mai sentito ma credo di aver capito qualcosa. Avevo appuntamento con i miei amici per una sorta di rimpatriata tra amici ma siccome non avevo mangiato (e avevo una voglia incredibile di pizza!) il mio amico mi ha offerto la cena, spaghetti ai frutti di mare, tantissima roba! e un dolce incredibile e a dir poco eccezionale! che gioia per il mio palato! il miglior cibo da quando sono in Australia!! Il post serata invece passa insieme ad un’amica conosciuta a Sydney e degli amici di farm del mio amico. Ero uno zombie. Mi son buttato tutto il tempo su un divanetto e son collassato. E il bodyguard credeva che fossi ubriaco marcio. Bah.
Il lunedì ci si alza in tempo per una doccia, un triste saluto agli amici, che mi mancheranno tantissimo ma son sicuro ritroverò in futuro, e passo a prendere il ragazzo tedesco con il quale dovrò fare il viaggio, tempo di caricare bici e attrezzature e ci spostiamo verso un negozio di bici perchè deve cambiare qualche pezzo. Si parte verso mezzogiorno, strada interminabile, qualche stop faceva capolino a tantissima musica e qualche chiacchierata, alla fine vengo a scoprire che questo ragazzo è andato in Tasmania insieme al mio amico maltese, quant’è piccolo il mondo🙂 inoltre voleva percorrere in bici la “strada” fino a Darwin, passando per Alice Springs e Uluru.
Finalmente si vede Adelaide, lo lascio in una casa dove ha un appoggio e poi mi avvio verso la mia, verso le 22 sono a casa, ci si cambia e ci si butta a letto in amicizia dato che ho qualche giorno di sonno arretrato.

Voto: 7+. Un Long Weekend meritato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s