Sydney – 2 months later

E anche il secondo mese passò nella capitale del NSW, da oltre 1 settimana. Il motivo per il quale non scrivo molto è perchè sto studiando. No, non intendo a scuola, ma da autodidatta. Che cosa? Ciò che potrebbe permettermi di girare il mondo lavorando! Premetto che non ha niente a che fare con l’industria a luci rosse. Ma nemmeno verdi (bohhh). Si tratta di ciò che ha a che fare con internet. Da quando la mia mente è stata raggiunta in Australia dal mio corpo sta dando il meglio di sè e molte idee sono nel calderone, certo, sono in lieve ritardo rispetto a chi ha anni di esperienza, ma non mi do per vinto. Mai.
Finalmente capisco chi diceva che ero stato fortunato a vedere qualche giornata soleggiata a Sydney e che di solito in estate pioveva. E’ oltre un mese che non vado al mare perchè puntualmente la pioggia rovina il weekend, solo ed esclusivamente il weekend. Ah, tranne giustamente il lunedì dopo l’Australia Day, il 28 gennaio, quando tutti gli uffici erano chiusi. “Dai che si va al mare finalmente in mezzo alla settimana!”. La risposta dell’atmosfera terrestre è stata “Muahahahaha”. Pioggia. Inutile dire che poi il martedì il sole spaccava le pietre e ha asciugato parte della Baia di Sydney. E’ davvero incredibile, a Melbourne il tempo è mutabile: si passa dal freddo al caldo alla pioggia di caramelle e alle tormente di neve in poco tempo, ma qua a Sydney piove con regolarità weekendiana.
Per rimanere in discorso weekend, giusto lo scorso ho effettuato il mio primo trasloco in quel di Sydney. Sono passato da Ultimo a Parramatta. Giustamente in tal weekend il CityRail aveva previsto dei lavori, quindi ho fatto 3 viaggi con i “disagi” (lo metto tra virgolette perchè so cosa vuol dire avere a che fare con Trenitalia), farmi 15 minuti a piedi la prima volta perchè sceso ad Harris Park e 30 la seconda perchè a Merrylands, dato che il treno successivo per Parramatta partiva dopo un’ora, carico e, neanche a dirlo, pioveva! Le cose o le faccio bene o non le faccio proprio. Ma almeno mi sono allontanato di 40 minuti dal CBD, dagli amici, dalla movida. Ci risparmio sonno, soldi e salute, si, perchè in soli 30 comodi minuti a piedi raggiungo il lavoro, iniziando la mattina nel migliore dei modi: un bambino cinese di 2 anni che alle 7 inizia a piangere, quando giustamente la mia sveglia mattutina è stata posticipata di un’ora.
Scherzi a parte, il miglior modo è camminare fino a lavoro ascoltando la musica!
ps: nonostante possa sembrare che mi sia lamentato in tale post, sono contento e felice, come potete vedere da diapositiva ——😀

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s